Le pecore di Buridano (di Alessandro Leonardi)

NPCI

Il poster inquadra una ragazza acqua e sapone, quella della porta accanto, per capirci. Con occhiali, il sorriso della fiduciosa speranza e un elmetto giallo da cantiere in testa. Sullo sfondo altri giovani indaffarati al lavoro.
Poi vedi il simbolo. Niente querce, ulivi, margherite o altra flora.
Solo falce e martello e stella in giallo su di una bandiera rossa che copre a sua volta il tricolore. P.C.I.
Perchè “il partito comunista ritorna italiano”
Allora sai che questa fiera attivista impegnerà tempo ed energia a migliorare il mondo. Sarà sindacalista nelle fabbriche (vuote) combatterà il capitalismo (dei capitalisti all’estero) e soprattutto combatterà il fascismo. Perchè lei è antifà (che te lo dico affà).
Perchè suo bisnonno ha combattuto per la libertà e le hanno detto che era così coraggioso che ha sparato alle schiena a uno che si era rifiutato di collaborare (quella merdaccia)… e tante cose belle che hanno fatto l’italia. Altro che garibaldi.
Adesso lei è equosolidale, ha i sandali in cuoio che le sono stati regalati da un profugo siriano, è un pò vegana, crede un pò nelle scie chimiche ma non troppo come i grillini, ci crede se la colpa è degli ebrei. Di sicuro la colpa è degli israeliani che continuano a scivolare sui coltelli dei poveri palestinesi. Lei è multiculturale e amica dei muslim. E i cereali a colazione c’hanno dentro i muesli. E beve activia, per via di quella cacchetta secca e a grappoli che ha fatto a casa di Debby l’altra sera (mentre ascoltavano musica etnochic è dovuta correre sul wc e le fà un pò male il culetto). E lo stato deve aiutare, sussidiare, pagare, sovvenzionare, pensionare prima, trovare lavoro, tassare i ricchi, mantenere i profughi, dare asilo, assistenza, i poliziotti sono a.c.a.b. e il padrone è infame e le tasse sono bellissime (ma anche no dipende forse da chi paga ecco qui un pò non capisce proprio tutto bene bene).
Perchè papà ha votato renzi ma poi ha capito che è di destra e le ha detto che il nazzareno era una porcata ma per fortuna c’è il giubileo.
Il giubileo comunista (pensa te, nessuno ci aveva pensato prima).
E che figataaaaa: facciamo che falce e martello siano il sorrisetto nello smile! (E lo mette come sfondo sull’aifòn).
Mentre questo paese si secca proprio come la sua cacchetta, lei e il suo gregge di amici si dedicheranno al partito. A questo, questa volta.
E io son qui che aspetto che tutte queste vedette stataliste (da sinistra a destra, intendiamoci) facciano la fine dell’asino di buridano.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi il menu
×
×

Carrello