27 MAGGIO 1937: INAUGURATO IL GOLDEN GATE

GOLDEN

L’apertura del ponte crea un collegamento vitale tra San Francisco e Marin County. Il Golden Gate Bridge, progettato da Joseph Baermann Strauss, è lungo 2,71 km. Con il suo colore arancione, il Golden Gate Bridge è visibile anche in caso di fitta nebbia e nel tempo è diventato il simbolo della città di San Francisco. Essendo l’unica via per uscire da San Francisco verso nord, il ponte fa parte sia della U.S. Route 101, sia della California State Route 1 ed in un giorno normale su di esso transitano circa 100 000 veicoli. Ha 6 corsie in totale ed un marciapiede per lato. Durante le ore della mattina dei giorni infrasettimanali, il traffico maggiore entra in città, quindi 4 delle 6 corsie sono dedicate alla marcia verso sud. Al contrario, durante i pomeriggi dei giorni lavorativi il traffico maggiore va verso Sausalito, quindi il maggior numero di corsie è dedicato all’uscita da San Francisco. Il colore del ponte è una tonalità di arancione chiamata arancione internazionale. Fu scelto anche su consiglio dell’architetto Irving Morrow perché è intonato coi colori naturali dei dintorni e perché rende la struttura più visibile nella nebbia. Il Golden Gate Bridge è largamente considerato uno dei più notevoli esempi di ingegneria applicata alla costruzione di ponti, sia per il progetto strutturale che per la sua estetica. È stato inoltre dichiarato una delle moderne Meraviglie del mondo dall’Associazione degli Ingegneri Civili Americani.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi il menu
×
×

Carrello