Lasciare in pace gli altri, una prospettiva etica

Sto caricando la mappa ....

Quando
10/11/2018
17:30 - 20:00

Dove
Hotel Cosmopolitan Bologna
Via Del Commercio Associato, 9, Bologna



Perché vogliamo sempre imporci sugli altri? Per quale ragione il nostro comportamento ci appare normale e quello altrui inevitabilmente da correggere? Com’è possibile, soprattutto, che altre persone sembrino conoscere il nostro bene perfino meglio di noi stessi? Secondo John Lachs è necessario riscoprire il piacere di scegliere e, ancor prima, imparare a lasciare in pace gli altri, affinché tutti possano condurre la loro vita come meglio credono. Consentire alle persone di cercare il proprio bene significa riconoscere tacitamente l’esistenza di una pluralità di modi in cui è possibile condurre vite degne. Questo non vuol dire essere indifferenti o egoisti, abbandonando il prossimo nel momento del bisogno, ma aiutarlo in forme che siano rispettose della sua autonomia. Ogni sostegno deve essere allora di natura temporanea, così da non incoraggiare comportamenti passivi e limitanti la responsabilità personale. Solo in tal modo si può creare una comunità virtuosa, tollerante e partecipe delle esigenze altrui. Dobbiamo insomma imparare a non immischiarci troppo nella vita del prossimo, anche se pensiamo che sia a suo beneficio.

Ne Parliamo con Carlo Lottieri, docente di Filosofia del Diritto a Verona e di Filosofia delle scienze sociali alla Facoltà di Teologia di Lugano. Fondatore, insieme ad Alberto Mingardi e Carlo Stagnaro, dell’Istituto Bruno Leoni, un centro di studi che si ispira alla tradizione intellettuale di Luigi Einaudi e di Sergio Ricossa, nel quale Lottieri ricopre l’incarico dii direttore del dipartimento Teoria Politica. Da anni è collaboratore de Il Giornale.

Come di consueto sarà possibile trattenersi a cena, presso lo stesso albergo, con un menù fisso a € 25,00. Chi fosse interessato può prenotare la cena scrivendo a ilditonellocchiobo@gmail.com entro mercoledì 7 novembre