SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “The Terminal” di Steven Spielberg (2013)

di Roberto Bolzan

La vicenda della Diciotti ci fa venire in mente un film di qualche anno fa che prende spunto, tra l’altro, da una vicenda realmente accaduta all’aeroporto Charles de Gaulle all’iraniano Mehran Karimi Nasseri che aveva smarrito i documenti di rifugiato rilasciati dal Belgio e che per questo ci è rimasto per 18 anni.

Questa storia si svolge a New York. Viktor Navorski (Tom Hanks) è un turista dell’Europa dell’est. Mentre è in volo per l’America, il suo paese (la Krakozhia) viene colpito da un colpo di stato. Di conseguenza il passaporto gli viene invalidato e quindi gli viene vietata l’uscita dall’aeroporto. Nello stesso tempo non gli viene più consentito di rientrare nel suo paese, che non è riconosciuto dagli Stati Uniti.
Viktor è costretto a rimanere nella zona franca dell’aeroporto per mesi, finché le relazioni diplomatiche tra i due paesi evolveranno fino a permettergli di uscire.
Mentre le settimane diventano mesi, Viktor scopre come il micro universo del terminal sia un ricco e complesso mondo di assurdità, generosità, ambizione, divertimento, ceti sociali e perfino romanticismo..Le relazioni con il personale dell’aeroporto ed una storia d’amore con una hostess (Amelia Warren – Catherine Zeta-Jones) sono ‘oggetto della narrazione.

(altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “USS Indianapolis” di Mario Van Peebles (2016)

di Roberto Bolzan

Film che canta le armi e gli eroi (anzi, giustamente, l’eroe), le uniformi e le foto, le gambe abbronzate, le ragazze, gli amori, le lettere, la giovinezza e le scazzottate. Gli ufficiali, le divise immacolate, le responsabilità e l’onore, il nemico, la lealtà. E l’oceano, il Mar delle Filippine infestato da squali e musi gialli.

Nel 1945, agli sgoccioli della seconda guerra mondiale, l’incrociatore USS Indianapolis trasporta in gran segreto Little Boy, la prima delle due bombe atomiche lanciate sul Giappone. Durante il viaggio di ritorno la nave, simbolo della potenza bellica americana, viene affondata da un siluro giapponese al largo delle Filippine.
Trecento moriranno subito. I novecento superstiti rimarranno attaccati alle poche scialuppe ed in mare aperto per cinque giorni in quanto, essendo una missione top secret, l’SOS non verrà mai recepito. Solo un terzo di loro sopravviverà alla disperazione e agli squali e il capitano Charles Butler McVay (Nicholas Cage), loro comandante, dovrà anche prendersi responsabilità non sue e affrontare un lungo e logorante processo. Verrà parzialmente assolto ma questo non impedirà le consegunze estreme che ne verranno. (altro…)

1 commento

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Il ciclone” di Leonardo Pieraccioni (1996)

di Roberto Bolzan

Intanto, perché parlare oggi di questo film? ma perché abbiamo sempre vivo il suo ricordo come del fondo dell’abisso di un periodo particolarmente infelice del cinema italiano e pensiamo sempre di doverne parlare. Un prototipo, insomma, da prendere ad esempio negativo per le nostre chiacchierate domenicale sul cinema.
Qualche giorno fa abbiamo interloquito con amici, stupendo per il nostro giudizio (accade spesso) ed ecco spiattellata l’occasione. Non ce la facciamo scappare.

Allora. la pellicola narra, se così si può dire, di un gruppo di ballerine spagnole di flamenco che, rimaste a piedi, trovano ospitalità presso una famiglia in una casa della campagna toscana, portando scompiglio a causa delle loro prorompente bellezza e della vitalità ispanica.
Tutta la famiglia vede la vita sconvolta, in particolare il figlio ragionier Levante che s’innamora di una di queste. Dopo una gran quantità di interecci amorosi che coinvolgono anche la figlia e l’altro figlio il gruppo riparte portando con sé Levante che alla farà famiglia in Spagna, sempre da ragioniere.

(altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Il sacrificio del cervo sacro” di Yorgos Lanthimos (2017)

di Roberto Bolzan

Non ridete. Siamo andati  a vedere anche questo cult stracult.

Per principio evitiamo i film premiati a Cannes e mai ci sarebbe passato per la testa di derogare a questo proposito. Però ci è sembrato doveroso farlo, visto che un amico che stimiamo ce ne ha parlato bene e noi ammettiamo sempre la possibilità di essere prevenuti e per cecità e superbia perderci dei capolavori. Ci è successo tante volte nella vita, perché non con un’arte viva come il cinema?

Ahimè ci sono leggi della natura che non si possono cambiare.

Diciamo subito allora che l’idea di base era buona, per non dire ottima. Un chirurgo provoca la morte sotto i ferri del suo paziente ed l figlio di questi fa ammalare i suoi figli chiedendogli di sacrificarne uno per pareggiare i conti. Altrimenti moriranno tutti.

(altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “L’armata Brancaleone” di Mario Monicelli (1966)

di Roberto Bolzan

Grazie al cielo non siamo musoni. Ci siamo presi l’impegno di fare una recensione di film sul medioevo una volta al mese, in modo da fare compagnia agli sforzi eroici di Andrea Babini che sta sfornando capitoli e capitoli del suo libro sul medioevo. Ma nessuno ci obbliga ad essere filologi ed alla correttezza storica prossimo preferire la commedia. Possiamo divagare e divertirci.

E questo film è divertimento. E’ colore. E’ commedia allo stato puro. E’ gramelot burino. E’ popolare ed erudito insieme. E’ cult istintivo e naturale. E’ paccottiglia, sana paccottiglia alla quale non rinunciare mai.

Colori sgargianti ovunque, nei costumi, nelle scenografie, negli ambienti esterni e interni, perfino nella “mala bestia”, il mitico cavallo Aquilante con il suo indimenticabile color giallino. Eremiti e streghe, crociate e peste nera, invasioni barbariche e ordalie, vergini, santi, principesse, dame, castelli e cavalieri. Voci irreali, tronfie o stridule, sempre falsate, gridate e borbottate, spesso declamatorie, sempre a metà tra il volgare e il latino maccheronico. Citazioni dal Settimo sigillo ai film di Akira Kurosawa senza tralasciare Cervantes, ma senza mai essere stucchevolmente colti cioè leziosi. Un medioevo straccione e cialtrone fatto di poveri, di ignoranti, di ferocia, di fango e di freddo. Ispirazione e genio libero.

La storia è questa: un cavaliere in viaggio per prendere possesso del feudo di Aurocastro, viene assalito dai briganti che, dopo averlo sopraffatto, lo gettano in un fosso. Un membro della banda, avendo trovato la pergamena che attesta l’investitura del feudo, convince l’amico Brancaleone a sostituirsi al cavaliere. Brancaleone si mette al comando dei briganti ma lungo il percorso per Aurocastro incappa in diverse avventure: l’incontro con Teofilatto ed i suoi bizantini, l’occupazione e la fuga da una città in preda alla peste, il salvataggio di una stravagante promessa sposa. Giunta infine al feudo, l’armata viene assalita dai Saraceni ma è salvata dai guerrieri comandati dal cavaliere che era stato aggredito dalla banda. Per Brancaleone ed i suoi uomini non resta che partire per una Crociata in Palestina.

(altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Il tamburo di latta” di Volker Schlöndorff (1979)

di Roberto Bolzan

Ci sono film visti con leggerezza e poi mai dimenticati. Così il Tamburo di latta, 1979, l’anno in cui divise con Apocalypse now la Palma d’oro come miglior film al 32º Festival di Cannes. Inspiegabilmente, perché quest’ultimo certo non la meritava.

Die Blechtrommel è un film diretto da Volker Schlöndorff, basato sull’omonimo romanzo di Günter Grass. Narrato in prima persona, con una trama che si sviluppa a cavallo di due guerre mondiali, ambientato nella Città Libera di Danzica, Qui coesistono polacchi e tedeschi e il film si muove tra tensioni che colpiscono due popoli e l’ipocrisia di una famiglia piccolo borghese.

Oscar nasce a Danzica, nel 1924. Agnès è sposata con il droghiere Alfred Matzerath, tedesco, ma è anche amante del cugino polacco Jan Bronski e il bambino può essere suo. Oscar alla festa del suo terzo compleanno decide di rimanere un bambino per sempre. Le sue doti sono di possedere una voce acutissima con la quale può frantumare i cristalli e di saper suonare un tamburo di latta dal quale non si separa mai.
La storia scorre. Un giorno ridicolizza una grande parata nazista che prelude allo scoppio della II Guerra Mondiale. Il primo settembre 1939 la Germania occupa la Polonia e nella prima battaglia nel palazzo della Posta Jan viene preso e fucilato. Sigismond Marcus, suo amico, un venditore di giocattoli, si suicida dopo l’occupazione tedesca. La madre muore ed Oscar segue il circo di Bebra e di Roswitha Raguna di cui diviene l’amante. Tornato a Danzica, assiste all’arrivo della giovane servetta polacca Maria che Alfred rende madre. All’arrivo dei sovietici Oscar provoca involontariamente anche la morte del padre.
Oskar decide alla fine di seppellire il suo tamburo di latta col suo padre putativo e di riprendere la crescita fisica.

(altro…)

1 commento
Chiudi il menu
×
×

Carrello