SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Fargo” di Joel Coen (1996)

di Roberto Bolzan

Film bianco, di neve e di immense solitudini fredde e gelate. Siamo nel Minnesota, terra natale dei fratelli Coen, E’ inverno ed il freddo lancinante accompagna lo svolgersi di storie ciniche e terribili.

Jerry Lundegaard (William H. Macy), modesto venditore di automobili, assolda due malviventi, Carl (Steve Buscemi) e lo psicopatico e taciturno Gaear (Peter Stormare), per far rapire la propria moglie e chiedere il riscatto al ricco suocero Wade (Harve Presnell). Ma il sequestro si complica quando i due galantuomini cominciano a lasciarsi alle spalle una serie di inutili cadaveri, sui quali indaga la poliziotta Marge (Frances McDormand), incinta e sposata col pacifico Norm (John Carroll Lynch).

Cosa rende magico, per non dire perfetto, questo film? la scelta degli attori, elencati sopra, sui quali è stata tagliata e cucita una sceneggiatura che in novanta minuti non sbaglia un colpo. Uno humor macabro misurato ma infallibile, mai alla ricerca dell’effetto, irresistibile. La storia, crudelissima, di avidità, cinismo e stupidità, di follia ottusa, di crassa prepotenza, ricattati dall’ordinaria diligenza di una donna buona perché incinta. Le atmosfere ovattate della provincia americana immersa nella neve. I dialoghi brevi e precisi, noncuranti ma privi di sbavature. Le musiche, sontuose e magniloquenti.

L’accetta usata con la precisione di un bisturi ne fa un’opera di bellezza assoluta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *