SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “The nice guys” di Shane Black (2016)

di Roberto Bolzanv1.bTsxMTczNDYzMTtqOzE3MDEwOzEyMDA7NDA1MDs2MDAw

 

Non tutto è male al Festival di Cannes e quest’anno, tra fallimenti d’autore che non abbiamo ancora visto (e speriamo di essere impegnati in altro) come “The Neon Demon” di Nicolas Winding Refn, “Julieta” di Pedro Almodovar, “Personal Shopper” di Olivier Assayas, si trovano anche film che si vedono volentieri all’arena all’aperto in queste serate calde.

I film demenziali e le parodie sono a rischio e non sempre piacciono (come al cuore, non si comanda al cinema). Evitate quindi di portarci una fiamma nuova. Oppure, portatecela e fate il test, che in questo caso specifico non potrà sbagliare.

(altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. Il cacciatore e Michael Cimino (1939-2016) – edizione straordinaria

di Roberto Bolzan

230015172-f8e04a15-4e83-413a-b33a-bd3fc6515ea2
Ho visto il cacciatore solo quattro anni dopo la sua uscita nelle sale, nel 1982. Al cineclub Mascarella, un parrocchiale senza riscaldamento, panche di legno per seduta e qualità infima della proiezione, come potete immaginare, ma forse non potete immaginare.
Era inverno ed i pochi disperati che eravamo noi a vedere questo film semiclandestino eravamo tutti seduti a semicerchio attorno alle due stufette catalitiche che davano qualche grado di calore alla stanza.
Eppure, inutile dire che ricordo ogni particolare di quella pellicola.

(altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Ustica” di Renzo Martinelli (2016)

l43-ustica-160325140044_mediumdi Roberto Bolzan

Da quando abbiamo iniziato questa rubrica siamo afflitti dal senso del dovere e con la ricorrenza del disastro di Ustica abbiamo risposto al richiamo. Non potevamo non rispondere. Sapevamo a cosa andavamo incontro e, bisogna dirlo, a volte la realtà rivela possibilità inaspettate di stupore.  Mai porsi dei limiti, saranno sempre superati.

Le vittime dell’aereo precipitato il 27 giugno 1980 a Ustica sono 81. Tra di esse c’è la piccola figlia della giornalista Roberta Bellodi. Il film stravolge inutilmente e crudelmente la verità assegnatole una madre giornalista (non vero) ed un padre mafioso (non vero). Il padre, essendo siciliano e quindi mafioso, veste un doppiopetto gessato a righe e dice alla madre: non doveva essere su quel volo. Ne porterai il rimorso per tutta la vita. E se ne va seguito dai guardaspalle.
La sintesi del film è tutta qui, tra invenzioni narrative crudeli ed inutili, pregiudizi infantili, cattivi dialoghi e voci sussurrate (tutto il film è sussurrato, tranne i militari che gridano sempre ed i deputati che digrignano i denti, crudeli).
(altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Amistad” di Steven Spielberg (1997)

di Roberto Bolzan

MV5BMTEyMDgwNTY2MjheQTJeQWpwZ15BbWU3MDAwMzE0MjI@._V1_CR0,25,266,150_AL_UX477_CR0,0,477,268_AL_

Il film dura 155 minuti, oltre due ore e mezza.

Si apre con la feroce, cruda e violenta sequenza della ribellione degli schiavi sulla Amistad, nave negriera che li stava trasportando da Cuba agli Stati Uniti. La storia avvenne veramente nel 1839 ed è raccontata nel romanzo di Barbara Chase-Riboud La rivolta della Amistad.

In una notte di tempesta un prigioniero africano riesce a liberarsi dalle catene e scioglie i suoi compagni. Armatisi di spade e di coltelli, attaccano i membri dell’equipaggio: l’artefice della sommossa, Joseph Cinqué, uccide il capitano della nave, trapassandolo con la spada. Gli ammutinati costringono i due spagnoli superstiti a virare verso l’Africa. Sei settimane dopo, mentre si riforniscono d’acqua, vengono arrembati da una nave militare statunitense e fatti di nuovo prigionieri per essere sottoposto al tribunale di Filadelfia. (altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Vestito per uccidere” di Brian De Palma (1980)

di Roberto BolzanC_54_eventoCorrelato_4454_img_articolo

Non ci sono film recenti di cui valga la pena di occuparsi, però di recente abbiamo visitato la National Gallery e, come sempre accade quando siamo in una pinacoteca, ci vengono in mente le sequenze di Vestito per uccidere.

Brian De Palma fa incontrare al Metropolitan museum di New York Kate Miller (una casalinga sessualmente frustrata in terapia presso Robert Elliott) ed un misterioso uomo straniero.
Kate e lo straniero si inseguono reciprocamente attraverso le sale del museo per poi ritrovarsi all’esterno e salire sullo stesso taxi.

La sequenza, famosissima, è giocata su campi e controcampi con una camera controllatissima ed emozionante, una sapiente soggettiva e un gioco al rimbalzo, perfettamente simmetrico, tra guardante e guardato che si rifa esplicitamente ad Hitchcock e ad un’analoga sequenza in La donna che visse due volte.
(altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Animal House” di John Landis (1978) con John Belushi

di Roberto Bolzan15489

Erano i Delta contro le regole. Le regole persero!

La fama di Belushi inizia con il Saturday Night Live. Dopo avere lavorato nello show National Lampoon’s Lemmings, una parodia del Festival di Woodstock che, invece di avere come slogan “tre giorni di pace e musica”, aveva “tre giorni di musica, pace e morte”, il Saturday Night Live diede alla folle esuberanza di Belushi il modo di esprimersi al meglio, con parodie sovraccariche e totalmente sregolate, spesso geniali.

Nel 1978 John Landis gli chiede di partecipare al film che sta preparando, una commedia satirica sulla falsariga di American Graffiti, appena uscito. Chi più dell’esuberante Belushi, nei panni di Bluto Blutarsky poteva essere indicato per trasgredire le ferree regole del college? Il futuro fratello del blues è la vera forza dirompente della pellicola di Landis: si schiaccia lattine di birra vuote sulla fronte, divora hamburger in un sol boccone e beve una bottiglia di whisky tutta d’un sorso, tanto che non è possibile parlare del film senza occuparsi di lui.

1962, in piena presidenza Kennedy, l’uomo della Nuova frontiera americana, del nuovo sogno. Due matricole del College Faber vogliono iscriversi a uno di club studenteschi. Rifiutati dall’Omega, frequentato dagli studenti di buona famiglia, trovano accoglienza allo sregolato Delta in cui l’elemento di punta è John Blutarsky (Bluto), sporco, grasso e maleducato.

(altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Mars Attacks!” di Tim Burton (1996)

di Roberto Bolzanmars-attacks1

“Ho capito di aver creato con i miei film un club ideale per gli eterni ragazzi che amano i falliti, la libertà, i marziani e le donne che ti seguono con una valigia in mano….”

Siamo eterni ragazzi e abbiamo sempre amato Tim Burton e lui ci ha ricambiato sempre con altrettanto slancio, senza chiederci nulla in cambio. Amiamo il fumetto, il cinema di serie B, il trash, il punk e il pop in tutte le sue forme: da lì veniamo e lì siamo a nostro agio.

Mars Attacks è un film tutto da godere, una commedia nera e macabra e una parodia del fumetti e dei racconti di fantascienza degli anno ’50, quelli con i marziani verdi che invadono la Terra. (altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Detenuto in attesa di giudizio” di Nanni Loy (1971) con Alberto Sordi

di Roberto Bolzan8010020039593F

A volte di un film basta la trama.

Giuseppe Di Noi, da anni trasferitosi in Svezia e sposato con una svedese, stimato professionista, decide di portare in vacanza in Italia la sua famiglia.
Alla frontiera italiana l’uomo viene arrestato senza che gli venga fornita alcuna spiegazione. Dopo tre giorni di carcere a Milano, apprende di essere accusato di “omicidio colposo preterintenzionale” di un cittadino tedesco. Convinto che si tratti di un equivoco, il malcapitato viene tradotto di carcere in carcere, fino alla località immaginaria di Sagunto ed internato in una cella di isolamento, in quanto, essendo considerato “latitante”, gli viene impedito di usufruire degli arresti domiciliari. (altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Sopravvissuto – The Martian” di Ridley Scott (2015)

imagesdi Roberto Bolzan

Il Mars Pathfinder è stato lanciato nel dicembre del 1996 ed è atterrato su Marte nel luglio 1997. E’ rimasto attivo per tre mesi ed ha mandato a casa una quantità immensa di informazioni sul pianeta rosso.

Nostra figlia era appena nata e nel suo libro personale, con le ecografie e le foto dei suoi primi anni di vita, è compreso un articolo su questa straordinaria missione, con il titolo “l’animale che striscia su Marte ha il cervello di uno scarafaggio”. Potete immaginare l’emozione che abbiamo provato rivedendola nel film, rintracciata, riattivata e di nuovo in grado di comunicare con la Terra. Ma è l’unica emozione del film.

(altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Nosferatu – il principe della notte” di Werner Herzog (1979)

nosferatu_locdi Roberto Bolzan

Harker, un agente immobiliare, viene spedito dalla Germania nei Carpazi per vendere una casa al conte Dracula. Questi si invaghisce della sposa dell’agente, vista solo in un suo ritratto, poi succhia il sangue a Harker e raggiunge la sua città in cui si sta diffondendo un’epidemia di peste.

Alla fine, ingannato dall’amore per la bella sposa, Dracula muore sorpreso dalle luci dell’alba ma, sorpresa!, la maledizione si perpetua tramite Harker che nel frattempo si è trasformato in un vampiro. E così il Male trionfa.

(altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Lo chiamavano Jeeg Robot” di Gabriele Mainetti (2016)

Unknowndi Roberto Bolzan

Che dire.

Film borgataro, vagamente postneorealista alla Pasolini. Narra la miseria morale e materiale di Tor Bella Monaca attraverso le avventure di un gruppo di aspiranti rapinatori e dell’umanità squallida che ci gira intorno.

Siamo sempre stati respinti dal cinema italiano contemporaneo ma questa volta per dovere di cronaca ci siamo dovuti impegnare. E poi la nostra critica di riferimento, quella che scrive per il Foglio, ci aveva favorevolmente disposto… Ma siamo stati imbrogliati.

(altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Thank you for smoking” di Jason Reitman

v1.bTsxMTYxODM0MjtqOzE3MDI2OzIwNDg7NzU5OzEwMTI

di Roberto Bolzan

Arthur Schopenhauer. L’arte di ottenere ragione. Stratagemma numero 18
Se ci rendiamo conto che l’avversario ha messo mano ad un’argomentazione con cui ci batterà, non dobbiamo consentire che arrivi a portarla a termine, ma dobbiamo interrompere, allontanare, sviare per tempo l’andamento della disputa e portarla su altre questioni; in breve, avviare una mutatio controversiae.

Ed è quello che fa magistralmente Nick Naylor (Aaron Eckhart) come portavoce della Big Tobacco. La sua funzione principale è quella di combattere contro i detrattori delle sigarette convincendoli che fumare non è poi così negativo. I suoi amici sono i lobbisti dell’alcol e delle armi, è buon padre di famiglia, separato dalla moglie ma adorato dal figlio, e poi ama il suo lavoro. Tutti gli danno addosso e lui si difende con maestria, favella e arguzia. La sua vita, fra minacce, capi poco efficienti che “provengono dai distributori automatici”, e problemi quotidiani è tutt’altro che semplice.

(altro…)

0 Commenti
Chiudi il menu
×
×

Carrello