SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Ore 15:17 – Attacco al treno” di Clint Eastwood (2018)

di Roberto Bolzan

Eravamo pronti, dopo Sully, ad affondare i denti nel collo, pronti ad uccidere. Perché non crediamo nei capolavori in serie.

Ci eravamo anche preparati ed avevamo preso appunti: la scena del gelato troppo lunga, la terrazza del Gritti, Dio mio il Gritti, che banale. E poi dormono in tre nella stessa stanza, signora mia. E poi a Roma, americani a Roma! la fiera del cattivo gusto.

Insomma, volevamo demolire. Ci piaceva attaccare a picconate il mostro sacro che già avevamo colto in fallo con J. Edgar.

Mal ce ne incolse. Sarebbe bastato leggere Wikipedia (Tre turisti americani affrontano un attacco terroristico a bordo di un treno diretto a Parigi. Imbarazzante) per capire a cosa saremmo andati incontro. Ma l’abbiamo letto dopo e allora Il vecchio Clint ci ha preso di sorpresa. Ci ha annichiliti.

(altro…)

2 commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Il lungo addio” di Robert Altman (1973)

di Roberto Bolzan

Ho promesso qualche settimana fa, quando ho recensito Chinatown, di parlare de Il lungo addio di Altman, girato appena un anno prima, ed ogni promessa è debito. E questo è di quei tipi di debito (non sono tanti) che fa piacere pagare.
Abbiamo quindi rivisto il film dopo tantissimi anni e, esattamente come allora, ci siamo persi immediatamente nella trama e di siamo abbandonati alla camera ed al suo caotico andamento.

Ci sono opere che fanno da spartiacque, dopo le quali nulla è più come prima. Questa è una di quelle opere.

E’ inutile leggere il libro di Chandler per seguire la trama del film. Altman ha infatti talmente trasformato la trama da rendere irriconoscibile non solo il racconto ma perfino i personaggi. Pipe si trasformano in sigarette, omicidi diventano suicidi, storie d’amore s perdono in onde oceaniche, gangster emergono dalla battigia, gatti e vicine di casa diventano protagonisti nel film senza esserlo nemmeno di striscio nel romanzo. E Marlowe da antieroe bastardo, ma a suo modo leale e buonista seppur succube degli eventi, riesce a riscattarsi in maniera sorprendente chiudendo, nella scena finale, ogni possibilità di ritorno al noir ed insieme al cinema classici. Solo Chinatown gli sopravviverà, grazie alla perfezione formale ed alla terribile crudeltà della storia. Poi basta, il lungo addio è proprio al cinema classico, quello delle origini.

(altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. Ripensamento su “Tre manifesti ad Ebbing, Missouri” di Martin McDonagh (2017)

di Roberto Bolzan

Saremmo andati a rivedere un film che ci aveva molto presi, ma siamo stati trattenuti dal pensiero che ci sarebbe piaciuto meno. Il segno è inequivocabile, perché questo non ci succede mai con le opere solide e con i prodotti del genio, quelli veri.

Inoltre, durante la settimana, abbiamo ripensato alla pellicola vista da poco, ne abbiamo parlato a pranzo ed a cena e ci siamo perfino interrogati su dei dettagli che inizialmente avevamo trascurato.

Alla fine ci siamo chiesti se fosse lecito cambiare idea e se fosse giusto esporsi pubblicamente tipo banderuola e ci siamo risposti che si, andava fatto. Che non solo il cambiare orientamento è segno di vitalità, ma che è addirittura una delle cose belle e interessanti della vita.

E allora lo diciamo, che il film di Martin McDonagh ci ha già stancati, così come l’opera che nasce già esausta dall’intreccio meticoloso e faticoso dei dialoghi, ben scritti, certo, ma obbligati con la forza a reggere da soli una trama che non sta in piedi in alcun modo.

(altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Tre manifesti ad Ebbing, Missouri” di Martin McDonagh (2017)


di Roberto Bolzan

Film che non si discute, bello senza riserve, ma a noi piace discutere e diffidiamo del troppo bello, che spesso si confonde con il furbo o, in questi anni senz’anima, con l’eccessiva familiarità con la cineteca.

Diciamo che l’esplorazione del cinema degli anni ’90 ha trovato nei fratelli Cohen una fonte infinita di ispirazione e, in questo caso, anche una sintonia nella passione per la scrittura minuziosa ed implacabilmente precisa. Film di un cinefilo, come si capisce, che tradisce fin troppo, nella fin troppa bravura, il suo gioco. La fin troppo brava Frances McDormand non solo allude ma ci scaraventa nelle atmosfere di Fargo, dalle quali è impossibile sottrarsi.

Territori neri, quelli dei fratelli di St. Louis Park, dove si ambienta una commedia nera. La madre di una ragazza violentata ed uccisa decide di affittare tre spazi pubblicitari ed affiggere un richiamo per la polizia locale, che non ha mai concluso le indagini né trovato l’assassino della figlia.
Lo sceriffo è malato di cancro e tutta la cittadina lo sa. Si suicida virilmente lasciando delle lettere alle persone chiave di quesa storia. Il vice sceriffo, picchiatore di negri, rimane sfigurato nell’incendio dell’ufficio.  Nel contempo quello che pare essere l’assassino pare essere individuato, ma non si sa veramente. se è lui e quale sarà il suo destino. Altre cose accadono nel corso della narrazione. (altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Suburbicon” di George Clooney (2017)

di Roberto Bolzan

Due storie si sommano in questo film: una famiglia compera casa in un sobborgo modello di una città americana degli anni ’50; una rapina finisce malissimo ed il colpevole è fra di noi.

Non possiamo raccontare di più, anche se perfino allo spettatore meno smaliziato apparirà evidente il colpevole. Ma non importa. Il film è ben condotto e svela gradualmente la sua anima nera. Il passaggio tra la ridente cittadina protetta, sogno di ogni libertario degno di questo nome, middle class, barbecue e prati rasati, e la storiaccia che d’improvviso ne viene a tubare i sonni è graduale e sottile. (altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Colazione da Tiffany” di Blake Edwards (1961)

di Roberto Bolzan

Chiudiamo un anno stopposo con una commedia amarissima. Un film che tutti conosciamo, ma è sempre bene nella vita fare un ripasso. E qui siamo a livelli altissimi per cui ne vale certamente la pena.

New York, 1961. Holly Golightly  (Audrey Hepburn) è una ragazza che campa a 50 dollari per prestazione. Non si dice in cosa consista, per delicatezza, ma s’intuisce; Paul Vasrjac è un giovane scrittore che ne riceve 1000 come buonuscita dalla sua protettrice. I due s’incontrano e s’innamorano. S’innsmorano per modo di dire perché lei è una ragazzina immatura, con mille ansie e paure ed una sciocca sregolatezza, lui uno scrittore gran sognatore e si fa mantenere da una ricca signora sposata che in realtà lo paga per le sue prestazioni sessuali e che lo molla senza nessun dispiacere. (altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Super vacanze di Natale” di Paolo Ruffini (2017)

di Roberto Bolzan

“Il mondo dei film di Natale è un mondo più bello, la parolaccia non è tesa mai a offendere e la leggerezza vince sempre su tutto. Non è un’esperienza riproducibile oggi, che il linguaggio permette meno libertà. Sono film di una scorrettezza meravigliosa, tutto era più leggero e lo era anche il pubblico. Oggi i miei colleghi hanno paura dei commenti su Facebook.”

Basterebbero queste parole di Ruffini per farci alzare le orecchie, se non fosse che siamo già geneticamente disposti al genere. Non siamo andati a vedere il film perché, confesso, ci vergogniamo e quindi aspettiamo che esca su Sky, dove nessuno ci vede. E poi li abbiamo già visti, tutti, per fortuna.

(altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “Chinatown” di Roman Polanski (1974)

di Roberto Bolzan

Film crudelissimo e terribile, nero, vero hard-boiled girato non negli anni ’40 ma nei ’70, con la stessa implacabile netta precisione di un romanzo di Hammett.

Bei tempi quelli! impressionati dal metalinguismo oggi si fanno i film con troppe intenzioni ed una storia come questa diventerebbe il pretesto per colte citazioni, mentre gli attori farebbero esercizi di bravura fini a sé stessi. E il male, invece di riflettersi nello sguardo di Jack Nicholson, sarebbe illustrato con uso di trucchi e animazioni.

Film di trama, quindi. L’investigatore J.J. Gittes (Jack Nicholson) viene assoldato da una donna che si presenta come la signora Evelyn Mulwray per investigare sulla presunta infedeltà del marito. Il giorno dopo la vera moglie di Mulwray (Faye Dunaway) si fa viva e revoca il mandato. Quando il marito viene ritrovato annegato in un bacino idroelettrico, Gittes inizia ad indagare su strane storie di acqua che apparentemente viene utilizzata per irrigare dei terreni agricoli ma in realtà viene dispersa. Il tutto è legato ad una speculazione edilizia in corso di cui è capofila il padre di Evelyn, Noah Cross (John Huston). Gittes decide di scoperchiare questo sistema di malaffare per scoprire delle realtà inconfessabili sulla famiglia Cross. Nella fuga di Evelyn con la sorella, a Chinatown succede l’irreparabile, con la sconfitta di Gittes.

(altro…)

0 Commenti

SCIACK! IL DITO NELL’OCCHIO AL CINEMA. “J. Edgar” di Clint Eastwood (2011)

di Roberto Bolzan

Amiamo Clint Eastwood con tutto in nostro cuore e tutte le nostre forze. Proprio per questo non riusciamo a concepire e troviamo detestabile questo film, che in due ore e mezza ha l’unico scopo di portare ad una scena casalinga di vestaglie, gelosia e bacio con goccia di sangue il mitico direttore dell’FBI ed il suo vice, elevato tramite promozione lampo in un’altra scena che non qualifichiamo (il fazzoletto che segna l’intimità tra i due e che ricorre in tutto il film, ecco, non avremmo mai voluto vederlo).

J. Edgar Hoover, dunque, creatore e direttore del  FBI, mitico personaggio sopravvissuto ad otto presidenti americani in cinquanta anni di carriera, superbamente interpretato da Leonardo di Caprio.
(altro…)

0 Commenti
Chiudi il menu
×
×

Carrello