31 MAGGIO 1819: NASCE WALT WHITMAN

 

13346700_10207645266862836_856398486285115006_n

31 maggio 1819
Nasce a West Hill, una cittadina di Long Island, da una famiglia quacchera, Walt Withman, che diventerà il poeta americano, cantore della libertà, degli spazi, dell’individuo e della masse, della democrazia, dell’eros, della vita, del viaggio.
Fu portatore di un ideale visionario che pone l’uomo come momento centrale rispetto al senso di percezione e comprensione delle cose
Fu giornalista, tipografo, carpentiere, maestro elementare, scrittore, viaggiatore e poeta
Fu editore di sé stesso con Foglie d’erba
Fu patriota e amante dell’America e della modernità
Fu vagabondo nello stile e nell’anima e negli amori
Fu osceno e pornografo
Fu religioso accogliendo tutte le religioni e non obbedendo a nessuna
Fu cantore dell’immigrazione, dell’umanità intera, di Manhattan, del Colorado, delle pianure, dei laghi, del mare e della strada, del mondo sotterraneo e del cielo
Fu panteista vedendo l’universo in ogni atomo
Cantò il lavoro ed il riposo, cantò l’operaio ed il muratore, l’esploratore e il cittadino, il marinaio e il telegrafista
Cantò e vide fattorie, villaggi, rovine, cimiteri, prigioni, fabbriche, palazzi, baracche, abituri di barbari, tende di nomadi sulla superficie, vide da un lato la parte in ombra dove i dormienti dormono, e dall’altro lato la parte che il sole illumina, vide i rapidi mutamenti accurati della luce e dell’ombra, le terre lontane, vere e vicine ai loro abitanti
Tutto vide e tutto cantò, instancabile
“Fu uno dei rudi, un cosmo, riottoso carnale e sessuale … che mangia, beve e procrea, non sentimentale … non al di sopra di uomini e donne, o discosto da essi … non più modesto che immodesto”
“La sua freschezza recò refrigerio a gente avvezza alle serre calde della poesia del tardo romanticismo”
“In lui tutto il mondo americano prende vita, il passato e il futuro, la nascita e la morte. Tutto quel che c’è di valido in America, l’ha espresso Whitman, e non c’è altro da dire. […]
Fu il Poeta del Corpo e dell’Anima. Il primo e l’ultimo poeta”
Fu sé stesso e tutti, fu l’individuo, la singola persona e al tempo stesso la Democrazia, la massa.

Visse e cantò la libertà nei desolati sobborghi di Camden in New Jersey
Fu sepolto dopo la morte in un prato in una grotta del cimitero di Camden dove si può riposare e sentirsi liberi atomi dell’universo.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi il menu
×
×

Carrello